antiche volte

La Cattedrale di Sant’Agata e Piazza del Duomo

Fulcro della vita sociale e religiosa di Catania, Piazza del Duomo è il luogo da non perdere durante una vacanza in città. Distante soltanto 2km dal nostro b&b – basta percorrere Corso Umberto I in direzione opposta al mare e poi passeggiare lungo la bellissima Via Etnea – la Piazza è il punto di riferimento del turismo cittadino e ospita alcune delle principali attrazioni di Catania. La prima, e probabilmente la più importante, è la Cattedrale di Sant’Agata. L’edificio religioso, dedicato alla vergine e martire patrona, ha subito numerose modifiche e rifacimenti dovuti principalmente ad eventi catastrofici – come terremoti e danneggiamenti a seguito delle eruzioni dell’Etna. La struttura attuale risale al Settecento (mentre l’impianto originario è del secolo XI) ed è opera dell’architetto Gian Battista Vaccarini.

La facciata si presenta a tre ordini, ognuno dei quali presenta delle statue marmoree di Sant’Agata, così come il maestoso portone in legno che ospita raffigurazioni di scene di vita della martire patrona, oltre a stemmi di papi e simboli della cristianità. Il campanile è ospitato all’interno di una torre a base quadrata arretrata di qualche metro rispetto all’edificio religioso. L’interno è altrettanto imponente: di notevoli dimensioni, la Cattedrale presenta una grande finestra posta al centro dell’abside – uno dei pochi resti della struttura originaria – un bellissimo altare in stile normanno e la Cappella di Sant’Agata, con le reliquie della patrona: questo è il luogo a cui i catanesi sono più legati.

La Cattedrale si trova sul lato est di Piazza del Duomo che presenta altri edifici particolarmente interessanti. Uno di questi è il Palazzo degli Elefanti, l’attuale Municipio, la cui costruzione risale alla fine del Seicento: qui da vedere è il cortile interno quadrangolare. Sull’altro lato della Piazza si trovano il Palazzo dei Chierici, collegato alla Cattedrale da un passaggio che corre sulla Porta Uzeda, e la Fontana dell’Amenano: come la più famosa Fontana di Trevi a Roma, in quella dell’Amenano c’è l’abitudine di gettare le monete sperando che il desiderio espresso si avveri. La Fontana è una splendida testimonianza dell’arte della seconda metà dell’Ottocento: costruita dal maestro napoletano Tito Angelini, rappresenta il fiume Amenano come un giovane che tiene una cornucopia dalla quale fuoriesce dell’acqua che si versa in una vasca sottostante.

Al centro di Piazza del Duomo si trova il simbolo di Catania, una statua raffigurante un elefante, sormontata da un obelisco, che i catanesi chiamano “u Liotru”. Infine sotto la Piazza si possono vedere i resti della Terme Achillane, strutture termali romane che risalgono ai secoli IV e V. Purtroppo è giunta a noi solo una piccola porzione di questo complesso di terme che doveva essere piuttosto grande. Per scoprire le altre bellezze di Catania vi invitiamo a leggere la nostra guida della città a questa pagina.

Have your say