Luogo e territorio

Breve storia di Catania:

Seconda città della Sicilia per numero di abitanti, Catania si distende sull’omonima piana, tra il mar Ionio e le pendici dell’Etna. La campagna circostante, resa ancora più fertile dalle eruzioni vulcaniche, è coltivata, per la maggior parte, a giardini d’agrumi. Lo stretto legame della città col vulcano è anche visibile negli edifici, molti dei quali costruiti con pietra lavica.

Secondo lo storico Tucidide, Katane fu fondata dopo il 729 a.C. dai coloni calcidesi di Naxos, nel colle oggi detto dei Benedettini. Nel secolo successivo, il legislatore Caronda diede alla città un ordinamento di ispirazione moderata, a metà tra oligarchia e democrazia. Nel 476 a. C., Catania fu conquistata da Ierone di Siracusa: gli abitanti furono deportati: torneranno 15 anni dopo, nel 461. Durante le guerre puniche, la città fu conquistata dai Romani, 263 a. C., e poté mantenere una notevole ricchezza fino all’età imperiale. Dopo la decadenza, segnata dalle invasioni barbariche e dalla conquista bizantina nel 535, Catania fu occupata, nel IX sec., dai Musulmani, che procedettero alla ridistribuzione delle terre e diedero impulso alle attività agricole e commerciali. Dal 1071, con la conquista normanna, fu costruita la Cattedrale come chiesa-fortezza, e furono ripristinati i latifondi e ceduti ai monasteri. Ne seguì una crisi economica che il terremoto del 1169 ancora peggiorò. Nell’età sveva, fine XII sec. e buona parte del XIII, Federico II vi fece edificare il Castello Ursino, 1239-50, a completamento della sua opera di fortificazione di questa parte della Sicilia, ed a simbolo del suo potere. Con l’avvento degli Aragonesi, fine XIII sec., Catania, rivale di Palermo, fu spesso scelta quale sede della corte, e vi venne fondato il Siculorum Gymnasium, prima e prestigiosa università siciliana. La grande eruzione del 1669 e il terribile terremoto del 1693, che colpi’ tutta la Sicilia orientale e distrusse gran parte della città, annientarono una situazione economica già difficile. Catania fu ricostruita, si estese sensibilmente; poi subì una nuova crisi agricola, ma si riprese. Venne eletta capoluogo di provincia nel XIX secolo, torno’ a espandersi verso nuove zone, sino a raggiungere, ai giorni nostri, l’attuale immagine di città attiva e moderna.

Punti turistici

Catania è una città con caratteristiche ambientali e paesaggi bellissimi. Situata ai piedi del vulcano Etna, il più grande d’Europa, la città è diventata una meta obbligata per il turista che visita la Sicilia.

Tra le principali attrazioni turistiche ricordiamo il teatro greco, l’Odeon e i resti dell’anfiteatro romano, la Cattedrale di Catania, il castello Svevo, il Palazzo Biscari, il Monastero, la Chiesa dei Benedettini, il complesso di Piazza dell’Elefante, la chiesa di San Giuliano, la chiesa di Sant’Agata e la chiesa di San Benedetto.

Catania, città dalla storia millenaria, è ricca di monumenti e di tantissime cose belle da vedere, inoltre nel 2002 il suo centro storico e sette comuni della vicina Val di Noto sono stati inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco.

Per chi decide di visitare Catania e si ferma in città per qualche giorno consigliamo le seguenti attrazioni turistiche:

I molti edifici storici e monumenti risalenti al periodo della dominazione romana come le Terme, il Teatro Romano di Catania, l’Anfiteatro ed in piazza del Duomo di Catania il ‘liotru’ (l’antico simbolo ddella città realizzato su pietra lavica raffigurante un elefante con un obelisco egiziano);

Da ricordare anche il bellissimo Castello Ursino dove oggi si trova il Museo Civico di Catania dove vengono custoditi molti reperti che testimoniano la travagliata e lunga storia della città;

Molti sono anche gli edifici barocchi (la maggior parte concentrati nel centro storico di Catania) che da inizio millennio sono stati inseriti dall’Unesco nelle liste per diventare Patrimonio Mondiale dell’Umanità; gli edifici sono stati costruiti nel corso del XVIII secolo in seguito ad un violento terremoto che distrusse la città.

Tra questi possiamo citare la Cattedrale di sant’Agata, la Badia di sant’Agata, la Chiesa di san Benedetto, il Palazzo degli Elefanti (sede del Municipio di Catania), Palazzo Biscari, Palazzo del Toscano e molti altri palazzi.

Per coloro che amano la natura e le passeggiate è possibile trascorrere una giornata nel bellissimo Giardino Bellini oppure nel Boschetto della Plaia. Da non dimenticare infine anche il Rettilario Mediterraneo con collezioni uniche e rare di varie specie di rettili che vivono in europa e nelle zone tropicali ed esotiche.